lunedì 31 ottobre 2011

Commemorazione dei defunti -2 Novembre-

Dopodomani, 2 novembre si celebra la Commemorazione dei defunti che è una ricorrenza della Chiesa cattolica.



Nel calendario liturgico segue la festività di Ognissanti, che ricorre domani, 1º novembre.

Per saperne di più cliccare sull'immagine 
angelo

Continua...

sabato 29 ottobre 2011

La presentazione finale del progetto "Mare da Amare" è su YouTube...

Finalmente, dopo tanti tentativi, siamo riusciti a convertire e a caricare su YouTube la presentazione finale del progetto "Mare da aMare" realizzata dagli alunni della classi terze, sez. C, D e E, dell'anno scorso. Lo abbiamo fatto per poter socializzarla a tutti nell'ottica condivisa dello scambio dei risultati didattici dei prodotti realizzati.
Buona visione a tutti!


Continua...

venerdì 28 ottobre 2011

Bandi PON FESR E FSE ANNO 2011-2012- I CIRCOLO DIDATTICO - VICO EQUENSE

IN ALBO PRETORIO

SUL SITO UFFICIALE DELLASCUOLA


BANDI PER ACQUISTO MATERIALE
 PON FESR 2011-2012-

AVVISO DI PUBBLICAZIONE
BANDI GARA DI ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI PER LA REALIZZAZIONE
DEI PROGETTI PON


FSE -BANDI ESPERTI - FORMATORI -

Per saperne di più clicca su




Continua...

giovedì 27 ottobre 2011

Alla scoperta di Monte Faito

Da Vico Equense on line di Mercoledi 26 ottobre 2011

C LICCA            Alla scoperta di Monte Faito

Continua...

martedì 25 ottobre 2011

I colori dell'autunno a... Monte Faito


Continua...

giovedì 20 ottobre 2011

Se anche i bambini non ridono più.

Questa riflessione di Don Mazzi dovrebbe farci riflettere sulle condizioni attuali dell'infanzia e non solo nella nostra società del pseudo-benessere che, mettendo in primo piano il dio denaro, sta garantendo l'infelicità a tutti noi che presi dal vortice degli impegni quotidiani necessari per la "sopravvivenza" non abbiamo più tempo per il contatto umano, per le cose semplici e genuine, per le attività all'aria aperta, ecc.

Tratto dal settimanale "Famiglia Cristiana" del 13/10/2011


(di Don Antonio Mazzi)

Ho letto con interesse, e spero di capirne un po’ di più, dell’esperienza pistoiese di un primo centro di terapia ricreativa per bambini. Il mio interesse e la mia meraviglia riguardano proprio l’argomento. Quando eravamo poveri, nullatenenti e contadini, erano i nostri bambini a portare allegria dentro casa. Le case di allora, con terra battuta al posto delle mattonelle firmate, illuminate dal fuoco del camino e addobbate da una tavola grande (perché eravamo tanti) non avevano la radio ed erano i nostri bambini a cantare, urlare, ballare, giocare. Adesso, se ho capito bene, nemmeno i nostri figli sanno più giocare, godere e devono andare a scuola di felicità.

Ma ci pensate in che società siamo finiti? I bambini non ridono, non si trastullano, non si sporcano (guai!), non possono farsi male. Sono bambini imbalsamati, inchiodati sui giochi informatici, con le mani piene del telefonino. Mandiamoli in Toscana, perdinci! E là, pittori, scultori, psicologi si daranno da fare per farli ridere. L’hanno chiamata la “fabbrica della felicità”. E se, invece di autori quotati, adoperassimo le quattro anatrelle che sguazzano nella piscinetta del giardino, o il pony della casa vicina, o la fisarmonica a bocca di nonno Adelino, o le favole di Antonietta la cieca? Quando in un Paese non giocano e non ridono più nemmeno i bambini, non è meglio mettere in terapia i grandi, i genitori, gli psicologi, i sociologi, i politici, gli insegnanti della scuola? Voi direte che arrivano in Toscana i casi limite. Il Dynamo Camp di Pistoia è riservato ai casi patologici.

E se vi dicessi che sono i casi non patologici che mi preoccupano di più? Quando una mamma è tirata di nervi già la mattina perché deve andare a lavorare e nel frattempo deve portare in orario a scuola il figlio; quando un padre spara più parolacce che parole a cena o durante il week-end e non lo si vede mai sorridere, cosa può accadere a un figlio? Guai parlare di patologia alla media borghesia. Si tratterà di nervosismo. Somministrate qualche tranquillante. Solo i poveri hanno patologie. Io, invece, vi dico che in queste nostre città siamo tutti borghesi, frustrati, inebetiti e patologici. Perciò abbiamo i figli che ci meritiamo. Mandiamo pure a Pistoia i casi gravi. Ma non dimentichiamo che i casi veramente irrecuperabili non andranno mai in un paesino del Pistoiese, dove tutti chiacchierano di tutto. Dato che gli irrecuperabili li fabbrichiamo noi, per le terapie di felicità li porteremo in America, in Svizzera, in Canada. Nessuno deve sapere! Lasciatemi fare una battuta. È di Pascal: «Più conosco gli uomini, più amo il mio cane!».


Continua...

domenica 16 ottobre 2011

FSE...un'altra bella notizia!!!

P.O.N.-Fondi Strutturali Europei

L'anno scolastico è iniziato alla grande ed un'altra bella notizia ci rallegra tutti: sono stati autorizzate tutte le proposte didattiche richieste dalla nostra Scuola  nell'ambito dei PON e ora non ci resta altro che metterci al lavoro per tradurle in iniziative valide, producenti e significative per tutti i docenti e gli alunni del Circolo.

Nella tabella i dettagli:

Continua...

sabato 15 ottobre 2011

"La magia del tempo" - Nuovo progetto interdisciplinare d'Istituto


Noi docenti del Circolo, quest’anno, stanchi della solita progettazione d’Istituto e sospinti dalla voglia di rinnovarci anche nella ricerca di una nuova proposta formativa capace di conferire più interesse, più motivazione e più coesione alla pratica didattica, abbiamo ideato un nuovo piano di intervento dal titolo “La magia del tempo”.



Esso parte dall’esigenza di valorizzare il proprio paese di appartenenza per indagarlo e per conoscerlo negli aspetti più nascosti, come abbiamo specificato nella premessa.


Le parole tratte da una poesia di Rosa Cuomo, nota poetessa vicana, hanno rappresentato per noi il punto nodale di partenza per un’immaginaria Caccia al Tesoro che, attraverso percorsi formativi diversi, dovrà condurre tutti gli alunni della nostra Scuola alla conquista del Tesoro che altro non sarà se non la conoscenza più approfondita delle risorse socio-culturali, naturali ed economiche del proprio paese.


Abbiamo rappresentato questo nuovo piano con cerchi concentrici, dal cui centro partono le proposte formative delle classi che si ramificano e si intersecano a mo’ di ipotetiche connessioni e interconnessioni trasversali tali da favorire l’interscambio delle conoscenze, il confronto e la condivisione dei risultati anche tra alunni di classi diverse.

 Tutto intorno ruotano le attività extracurriculari che, anziché procedere per conto proprio, sono finalizzate all’approfondimento e al potenziamento dei lavori didattici e dei percorsi educativi avviati nell’ottica dell’unitarietà e della trasversalità dei saperi.

Speriamo così di allontanarci concretamente e definitivamente dalla vecchia logica della “scuola-progettificio" che ha generato nel tempo confusione, dispersione e frammentazione di conoscenze, di interventi e di impegno.

Il progetto completo:


Progetto d'Istituto "La Magia del Tempo"-I Circolo didattico di Vico Equense
Continua...

venerdì 7 ottobre 2011

Musica e non solo...

PROGETTO ANNUALE DI LABORATORIO MUSICALE
ANNO SCOLASTICO2011/2012

Progetto Annuale Di Lab Oratorio Musicale
Docente: Amalia Sagristani



Musica e non solo...Classe per classe
Continua...

domenica 2 ottobre 2011

FESR---La magia del tempo...


Sono già passati più di due anni da quando decidemmo di lasciarci alle spalle il tradizionale lavoro scolastico per intraprendere la strada dell’innovazione tecnologica applicata alla didattica.

Ci avvicinammo timidamente al mondo digitale, non immuni da reticenze e perplessità. Però, a mano a mano che ne esploravamo i sentieri, ne comprendevamo anche l’importanza e l’efficacia per i processi di facilitazione e di compensazione degli apprendimenti, resi, dalle risorse on line, più stimolanti e più consoni alla realtà dei nostri alunni, i “nativi digitali” del nostro tempo.

II cammino fatto è stato lungo e impegnativo perchè diverse sono state le strade battute… corsi volontari di alfabetizzazione informatica, percorsi formativi di avanzamento, creazione dei blog didattici, lavori in rete, uso ricorrente delle risorse web, sperimentazione degli ambienti tecnologici che supportano la scrittura collaborativa, ecc.

In buona sostanza, ciò che ci sembrava lontano e irraggiungibile si è avvicinato sempre di più alla nostra realtà scolastica fino a diventare parte integrante della normale prassi quotidiana del lavoro in aula.

Ma la svolta decisiva a questa nostra voglia di cambiamento ci arriva ora con l’autorizzazione delle nuove proposte PON-FESR per l’anno scolastico in corso.

La bella notizia della loro approvazione, da una parte, premia il nostro impegno progettuale e, dall’altra, ci coglie come un’impennata improvvisa di una moto in corsa che spinge il guidatore al cauto controllo della sua velocità d’azione per non perdere l’equilibrio e continuare con successo il viaggio.


Al traguardo dobbiamo arrivare tutti: dirigente, docenti, alunni e personale della scuola.


Nasce da qui l’entusiasmo per questa nuova ventata di iniziative che vedrà la nostra scuola potenziata e rinnovata, sia nel settore dell’organizzazione degli spazi didattici sia in quello della strumentazione tecnologica, con nuovi laboratori e nuove attrezzature.

Molte aule verranno corredate da Lim e già, a partire da quest’anno scolastico, potremo scoprire le risorse formative on line del libro misto che sicuramente arricchiranno gli apprendimenti e incoraggeranno l’operatività dei saperi che garantisce il consolidamento delle competenze in linea con il pensiero che “chi ascolta, dimentica; chi guarda e osserva, ricorda; chi fa, impara”.


E così, ancora una volta, il tempo ci ha dato ragione: con la sua magia ha reso possibile l’impossibile e ci ha permesso in breve di metterci al passo con i tempi, malgrado le obiettive difficoltà che caratterizzano, oggi, la scuola pubblica italiana.


Per Ora Noi
ringraziamo…










Segue la tabella con i dati dei POR-FESR autorizzati:


L'articolo correlato, pubblicato su "Vico Equense on line"



Continua...

sabato 1 ottobre 2011

Festa dei nonni...


-Negli Stati Uniti la festa dei nonni è stata istituita nel 1978: su insistenza di una casalinga mamma di 15 figli e nonna di 40 nipoti, Jimmy Carter, allora presidente, ha stabilito che si festeggiassero i nonni la prima domenica di settembre dopo il Labour Day. Questo per onorare i nonni, permettere loro di mostrare ai bimbi quanto li amino e sensibilizzare le nuove generazioni nel comprendere quanta ricchezza possano offrire le persone anziane.

-In Italia la festa dei nonni è stata introdotta nel 2005 con una legge per celebrare il ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale. La data scelta è il 2 ottobre, giorno in cui la chiesa cattolica festeggia gli angeli custodi. E in effetti i nonni sono proprio degli angeli per i nostri bimbi!

-Nel Regno Unito si festeggia in ottobre, la prima domenica.

-In Francia, invece, ci sono due feste separate: una per la nonna e una per il nonno.

La festa dei nonni ha un fiore ufficiale: è il non-ti-scordar-di-me. Il suo nome sta a significare che non bisogna dimenticarsi di loro per l’importante ruolo che svolgono all’interno della famiglia.

Dedicata ai nonni:

I nonni
(di Alex Haley)

Nessuno può fare per i bambini
quel che fanno i nonni:
essi spargono polvere di stelle
sulla vita dei più piccoli.

E ora se vuoi saperne di più, clicca sull'immagine!

Continua...

Da "INFORMASCUOLA" -Aggiornamenti quotidiani on line sul mondo della scuola-

I materiali didattici degli anni precedenti sono stati archiviati nel sito della scuola, nella sezione "Videoteca-Scuola". Per visionarli cliccare sul seguente indirizzo: http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

I NOSTRI SPONSOR...

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

LA NOSTRA SCUOLA

Sito scuola:http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

Dall'antico libro della saggezza....

“ Non inducete i ragazzi ad apprendere con severità e violenza, ma guidateli invece per mezzo di ciò che li diverte, affinché possano meglio scoprire l’inclinazione del loro animo” (Platone)