giovedì 27 febbraio 2014

"Come l'onda"--- Invito di partecipazione alla presentazione del libro.

Venerdì 28 febbraio 2014 alle ore 17.30
all' UNITRE Università delle tre età 
della Penisola Sorrentina in 
 via Filangieri 98 Municipio Storico,
con il patrocinio dell'Amministra
zione Comunale di Vico Equense
sarà presentato il romanzo
"Come l'onda" Nicola Longobardi Editore

Ne parlano con l'autrice
Rosanna Ferraiuolo
la Dott.ssa Anna Sallustro (scrittrice)
Enzo Esposito (Presidente Unitre)

Vi aspettiamo! Non mancate! 

                  Anna Guarracino

Continua...

domenica 9 febbraio 2014

Open day: lezioni a porta aperta...

http://anna-classionline.blogspot.it/2014/02/open-day-con-lezioni-porta-aperta.htmlhttp://anna-classionline.blogspot.it/2014/02/open-day-con-lezioni-porta-aperta.html


Continua...

domenica 2 febbraio 2014

Bambini e adolescenti insicuri e ansiosi: manca il gioco spontaneo

Bambini e adolescenti insicuri e ansiosi: manca il gioco spontaneo

di R. Tiziana Bruno

nascondino pantheonLe strade e i marciapiedi delle nostre città sono invasi dai rumori del traffico automobilistico, ma raramente si vede un bambino che gioca. Nessun bambino in bicicletta. Dove sono finiti quei bambini che correvano liberi in gruppo finché le loro madri non li chiamavano a cena?
È come se i bambini fossero scomparsi.
Dove sono? Dentro, a fare i compiti o a giocare al computer. Invece di giocare a calcio per strada, giocano organizzati con programmi di formazione calcistica, sotto la supervisione di adulti. Oppure sono a lezione di danza o di nuoto. I bambini sembrano appartenere ad una classe media superiore, sono occupatissimi, con orari che potrebbero competere con qualsiasi direttore esecutivo.
Non è sorprendente che molti di loro si sentano impotenti e inutili. Qualcuno ha sempre detto loro cosa fare e dove essere. Se rimangono da soli, crollano.
Le Università riportano livelli record di stress tra gli studenti. Gli insegnanti lamentano che i loro studenti di 19 anni oggi si comportano come preadolescenti.
Sono bambini che non hanno mai imparato a stare in piedi da soli con le proprie gambe .

Ho dato una lettura approfondita ai pareri espressi dagli studiosi in articoli e saggi vari. Mi è sembrato importante sottolineare due analisi molto schiette e pungenti, ad opera del dott. D.
Whitebread e dello psicologo P. Gray.
Potrebbe essere che stiamo facendo ai nostri bambini del male più che del bene, con tutte le nostre attenzioni?
David Whitebread la pensa così.
E’ psicologo presso l’Università di Cambridge, specializzato nello studio della prima infanzia. Insieme ad altri 120 esperti, ha lanciato una campagna per chiedere al governo britannico di ritirare la legge che consente la formazione iniziale a 5 anni.
I bambini iniziano la loro istruzione formale troppo presto, dice, e questo può produrre un “danno profondo“, tra cui problemi di stress e salute mentale. Fino all’età di 7 anni, i bambini hanno realmente bisogno solo di  giocare spontaneamente.
Il gioco è un potente mezzo per insegnare le abilità sociali“, scrive Peter Gray, psicologo dell’età evolutiva che sostiene che la vita dei bambini sia diventata terribilmente irreggimentata. Il gioco insegna anche a gestire le  emozioni negative come la paura e la rabbia, e permette di eseguire sperimenti con rischi controllati. Il gioco è un’attività non strutturata supervisionata (cosa terribile!) ed è fondamentale per il loro sviluppo .
Nel gioco i bambini prendono le proprie decisioni su come risolvere i loro problemi“, scrive il Prof. Gray “mentre negli ambienti controllati dagli adulti i bambini diventano deboli e vulnerabili. Nel gioco sono più forti e più potenti. Il mondo di gioco è il luogo dove i bambini fanno pratica per diventare adulti “.
Quei bambini che giocavano fino al tramonto in strada, non stavano  perdendo tempo. Stavano prendendo lezioni di vita, di problem solving, di negoziazione e resilienza. E lo facevano molto meglio senza l’aiuto degli adulti.
Nelle prime società umane di cacciatori-raccoglitori, i bambini  giocavano fino all’adolescenza. Ma ora, osserva il Prof. Whitebread, il gioco è stato messo fuori dalla loro vita e la società in cui vengono introdotti è basata sulla paura e sul rischio. Tutto questo a causa della nostra separazione dal mondo naturale e della cultura diffusa del “più presto possibile“.
Ma ciò che veramente ha ucciso il gioco è il timore che i bambini non ricevano la stimolazione adeguata fin dalla tenera età, ovvero l’idea che il loro gioco debba essere gestito e controllato da professionisti o dagli adulti in generale, in un’atmosfera sempre più competitiva.
Questo è ciò che è alla base della pressione degli adulti sui bambini, e può avere risultati assai infelici.
Alcuni bambini sviluppano ansia e stress. E’ davvero troppo e troppo presto.
I genitori della classe media sono comprensibilmente ansiosi di dare ai loro figli le migliori opportunità possibili nella vita. Questo è il motivo per cui sono disposti a investire più che mai sulle “credenziali del bambino”.
Questo è il motivo per cui il sostantivo inglese “genitore” (genitore) è diventato un verbo. Non è più sufficiente solo nutrire e vestire. Ora si sente il bisogno di guidare i piccoli in ogni fase della vita.
I genitori sono più vicini ai loro figli di quanto non siano mai stati, e questo è buono. Ma questa vicinanza non
sempre favorisce l’indipendenza. Il telefono cellulare, ad esempio,  è una prolunga che soffoca.
Sono nato nel 1950 - afferma
Whitebreaded era un altro mondo. Ho fatto parte di un gruppo di bambini a cui erano vietate delle cose (per esempio salire e giocare nei cantieri era uno dei miei giochi proibiti preferiti). Quando sono andato al college c’era un telefono in fondo al corridoio per 38 studenti e le chiamate a lunga distanza erano costose. I miei genitori hanno avuto la loro vita e io ho avuto la mia, era tanto tempo fa.
Non sto dicendo che era meglio. I bambini di oggi hanno la possibilità di arricchire le esperienze, cosa che la mia generazione non avrebbe mai potuto nemmeno sognare.
Ma quando sono invitato a partecipare a comitati per borse di studio per scegliere il migliore o il più brillante, talvolta mi soffermo a riflettere: i candidati arrivano con un curriculum abbagliante, hanno medie altissime e hanno vinto gare di nuoto, hanno fatto volontariato in orfanotrofi e mense dei poveri. Mi meraviglio che abbiano avuto il tempo per dormire!
Ma molti di loro hanno un’area larga un miglio e una profondità di pochi centimetri. Non hanno mai riflettuto profondamente sulla vita. Sono molto impegnati, ma terribilmente convenzionali.
Sono molto, molto adatti a saltare da una buca all’altra, e basta.
Sarebbe bene che a volte lasciassimo i nostri figli seduti sotto un albero da soli, a sognare.

Continua...

Teios- Il palazzo del destino


Sabato 1 febbraio, alle ore 17.00, sarà presentato, nella sala-convegno dell’Istituto SS. Trinità, il libro della giovanissima Simona Celentano dal titolo “Teios- Il palazzo del destino”.
L’autrice, oggi liceale, è di Vico Equense e da bambina ha frequentato la scuola elementare al I Circolo Didattico in via Sconduci, ed è stata mia alunna.
La ricordo ancora nel banco, in prima fila, mentre dibattevamo sulle sue performance  letterarie e io le dicevo convinta: “Nelle tue vene scorre il sangue dello scrittore”, mentre lei si diceva più portata per la Matematica. Queste mie parole le ho ritrovate scritte nella prima pagina del libro che mi ha regalato quando è venuta a scuola per invitarmi a partecipare a questo evento.
Di certo non si può descrivere la soddisfazione che una docente prova di fronte al successo dei suoi ex alunni, ma si può constatare con immenso piacere che questa ragazza, che già brillava nel rendimento scolastico ai tempi delle Elementari, di strada ne ha fatta e ne farà, soprattutto sul piano letterario.
Ho letto il suo libro, incuriosita e affascinata dalla vivace immaginazione che notavo e apprezzavo nello scorrere le pagine, e sono rimasta sbalordita: il libro è accattivante, ingegnoso, fantasioso e si fa leggere senza esitazioni.
E’ bello per me, ma credo anche per la gente del posto, notare che, in questi tempi alquanto bui per la Cultura e per la Formazione, c’è ancora chi, nonostante la giovane età, senza perdersi dietro le mode del momento e senza lasciarsi attrarre troppo dalle lusinghe dei nuovi ritrovati tecnologici, spende il proprio tempo libero a scrivere per esprimere il proprio mondo interiore e offrire agli altri una lettura piacevole che rompe i cliché dominanti e proietta il lettore in un mondo parallelo, fuori dai confini della realtà.
Che dire! Nel congratularmi vivamente con Simona le auguro di proseguire con successo su questa strada per trovare nella scrittura il mezzo più idoneo per esprimersi al meglio e per lasciare traccia del suo fervido pensiero.
                   Ins. Anna Guarracino

Continua...

Da "INFORMASCUOLA" -Aggiornamenti quotidiani on line sul mondo della scuola-

I materiali didattici degli anni precedenti sono stati archiviati nel sito della scuola, nella sezione "Videoteca-Scuola". Per visionarli cliccare sul seguente indirizzo: http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

I NOSTRI SPONSOR...

Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic

LA NOSTRA SCUOLA

Sito scuola:http://www.primocircolovico.gov.it/webschool3/index.php

Dall'antico libro della saggezza....

“ Non inducete i ragazzi ad apprendere con severità e violenza, ma guidateli invece per mezzo di ciò che li diverte, affinché possano meglio scoprire l’inclinazione del loro animo” (Platone)